Fog of Love Tutorial – Gioco da Tavolo per Due – La ludoteca #77

Transcript del video Fog of Love Tutorial – Gioco da Tavolo per Due – La ludoteca #77

Il gioco è acquistabile su Amazon

L’amore è come un gioco da tavolo. No, non proprio, l’amore è come questo gioco da tavolo!

Ciao, benvenuti,  io sono Miss Meeple, sul mio canale pubblico consigli e tutorial sul mondo dei giochi da tavolo per grandi e piccini. Oggi vi parlo di un gioco molto particolare, si chiama Fog of Love, è per soli due giocatori. E non potrebbe essere altrimenti perché in questo gioco si ripercorre la storia d’amore di una coppia, dal primo incontro, la scintilla, il primo appuntamento, i litigi e tanti altri momenti importanti. Ricordando vagamente un gioco di ruolo, deciderete voi come gestire la storia e come farla finire.

E’ un gioco di Jacob Jaskov, ogni partita è una storia d’amore a se stante e dura all’incirca due ore. Vediamo come si gioca, ma se  volete passare direttamente ai Pro e Contro e alle mie Impressioni, ci sono i link di navigazione nella descrizione.

Setup e Regole

I giocatori siedono ai lati opposti del tabellone, ognuno ha 4 gettoni scelta, dei segnalini, un portacarte e una carta personaggio del suo colore, che può usare scegliendo il genere che preferisce. Per la quasi totalità degli eventi in gioco, il sesso dei componenti della coppia non è rilevante. Mettete un segnalino sul livello di soddisfazione zero, quando questo aumenterà oltre il 10, ne metterete uno al centro e continuerete ad aumentare.

Scegliete una storia d’amore tra le 4 presenti nella scatola, il consiglio è di iniziare da Sunday morning date. Le altre storie aggiungeranno nuove regole rispetto a quelle che vedrete in questo video, ma ve le lascio scoprire da soli.

Prendete le carte capitolo delle storia scelta e ordinatele dal primo all’ultimo, con il finale in fondo.  Dividete le carte scena in base ai simboli in basso a sinistra e create i mazzi dolcezza, serietà, drammaticità.

Mischiate le carte Tratto, Occupazione, Caratteristiche.

La carta della love story scelta vi indicherà come procedere nel setup. In questo caso, leggiamo di consegnare 4 carte destino a ciascun giocatore.

E’ ora di creare il nostro personaggio! Pescate 5 carte tratto e sceglietene 3 da tenere. Queste resteranno nascoste perché rappresentano alcuni degli obiettivi da raggiungere.  Pescate 3 carte occupazione e sceglietene una da tenere. Una volta effettuata la scelta, potete rivelarla contemporaneamente.

Poi i giocatori pescano 5 carte caratteristica e si alternano assegnandone una per volta al partner, fino ad averne assegnate tre.

Queste rappresentano i primi aspetti che vi hanno colpito del vostro partner, dopo ogni carta assegnata, solo se vi va, raccontate perché siete stati attratti da quella caratteristica. Ricordate che non state giocando come voi stessi, ma come dei personaggi fittizi, provate ad immedesimarvi nel personaggio che state creando.

L’occupazione e le caratteristiche che ora avete hanno dei simboli, che rappresentano le dimensioni della vostra personalità,  le 6 aree che trovate al centro del tabellone. Ciascuna può essere declinata in positivo o in negativo, posizionate i vostri segnalini in corrispondenza di ogni area che vedete disegnata sulle vostre carte, dal lato corretto, ovvero facendo attenzione se la freccia punta in su, o in giù. E’ possibile avere segnalini su entrambi i lati di una dimensione.

Questi sono importanti perché sulle carte tratto che avete scelto, ci sono degli obiettivi, riguardanti proprio questi segnalini, che se raggiunti, a fine partita vi daranno dei punti soddisfazione come indicato dalla carta scenario.

Vediamo come raggiungerli. Se è richiesto un bilancio individuale di 3 o più segnalini positivi della dimensione estroversione, significa che dovremo avere a fine partita almeno 3 segnalini in questa posizione. Fate attenzione perché al bilancio si sottraggono i segnalini presenti sul lato opposto, quindi in questo caso l’obiettivo non sarebbe risolto, ma in questo caso sì.

Quando l’obiettivo è un bilancio condiviso, si procede allo stesso modo, ma si considerano sia i nostri segnalini, che quelli dell’avversario. L’avversario comunque non riceverà i benefici di questo obiettivo raggiunto.

A questo punto potete scegliere un nome per il vostro personaggio e raccontare all’altro qualcosa di voi.

Per finire la carte setup vi dirà quante carte scena pescare, e di quale tipologia. Girate la carte setup e leggete l’introduzione alla storia, ovvero come vi siete incontrati.

Il capitolo 1 entra in gioco.

Fog of Love vi porrà di fronte a degli eventi e episodi, e dovrete prendere delle decisioni rispecchiando ciò che farebbe il vostro personaggio.

Quando ci saranno da fare scelte in contemporanea, vedrete l’etichetta both choose. Quando uno solo dei giocatori deve scegliere, troverete l’indicazione partner chooses, che indica che deve scegliere chi non ha giocato la carta.

Ad esempio la prima scelta che dovrete fare in contemporanea è dove andare per il primo appuntamento, in un ristorante elegante, ad un karaoke, o a fare un giro turistico.

Per effettuare una scelta, senza confrontarsi, i giocatori prendono un gettone scelta e lo rivelano simultaneamente. In base alle scelte ci saranno delle conseguenze, indicate sulla carta. Nel caso di decisione contemporanea ci saranno due possibili esiti, a seconda che le vostre scelte siano state uguali, o diverse. In questo caso, entrambi ottengono dei punti soddisfazione, rappresentati dal cuore.  La soddisfazione di un personaggio non può scendere sotto lo zero.

Il gioco prosegue con i giocatori che si alternano svolgendo un turno a testa. Il turno è diviso nelle seguenti fasi:

scartare scene minori

giocare una scena

ripristinare la mano di carte

controllare la fine del capitolo

Se avete in mano una o più minor scene, potete scartarle e pescare nuove carte, continuando così se pescate nuove minor scene.  Pescate sempre dal mazzo indicato dalla carta capitolo.

Poi dovete giocare una scena dalla vostra mano, lasciando visibile il fondo della carta capitolo e delle scene già giocate. La carta va letta e risolta.  Dove è indicato Tell in rosso, se volete potete raccontare il motivo o i dettagli della vostra scelta.  Chi fa la scelta ottiene i benefici indicati, in questo caso un segnalino su un’area personalità.

Dopo aver risolto la carta, il giocatore di turno pesca, sempre dal mazzo indicato dalla carta capitolo, una scena per tornare ad avere 5 carte in mano.

Infine, controlla quante scene sono state giocate. Se si è raggiunto il limite del capitolo (compresa la carta capitolo), questo finisce, altrimenti, si continua a giocare e tocca al partner.

Ci sono alcune scene speciali:

Alcune scene sono dei segreti, quando le giocate, tenetele nascoste, queste non si contano per valutare la lunghezza del capitolo. Se il segreto rimane nascosto fino a fine partita, solo a quel punto verrà rivelato e risolta la sezione “Segreto”. Alcune carte potrebbero però farvelo rivelare nel corso della partita, a quel punto mettetelo insieme alle altre scene e risolvete la sezione “Se rivelato”.

Le scene minori si possono giocare al posto di scene normali, ma vanno poste negli scarti e poi risolte. Non partecipano alla lunghezza del capitolo.

Alcune scene sono delle reazioni, si giocano in risposta a scene giocate dall’avversario.

Le situazioni si giocano sopra le scene e hanno effetto sulle prossime scene giocate.

Oltre agli obiettivi delle carte tratto, l’obiettivo finale della vostra relazione, che determinerà se avrete vinto o perso la partita, è rappresentato da una delle carte destino che avrete in mano.  Solo a fine partita dovrete scegliere quale destino è il vostro obiettivo finale, potete cambiare scelta nel corso della partita. Alcuni effetti delle carte potrebbero farvi scartare delle carte destino, lasciandovi con meno possibilità di scelta del destino definitivo, oppure potrebbero farvi scambiare delle carte destino con alcune che avete già scartato. Non potete mai restare con meno di 2 carte destino in mano.

Per darvi un’idea, il destino dominante dice che avrete vinto se a fine partita avrete un bilancio personale di 4 o più segnalini negativi in gentilezza, e se avrete 15 punti di soddisfazione in più rispetto al vostro partner, e se il vostro partner non deciderà di lasciarvi.

Quando un capitolo finisce, scartate tutte le scene giocate e scoprite il nuovo capitolo. Dopo l’ultimo capitolo, scoprite il finale e agite come indicato. Solitamente dovrete scegliere un destino definitivo e rivelarlo, rivelate e risolvete eventuali segreti.  Controllate se avete risolto gli obiettivi delle carte tratto, e di conseguenze guadagnate o perdete punti soddisfazione.

Infine, controllate se avete completato gli obiettivi della vostra carta destino e se avete trovato ciò che cercavate nella vostra storia d’amore. Possono esserci uno, due o nessun vincente.

Impressioni

Fog of Love è sicuramente uno dei giochi più originali e innovativi che io abbia provato. Prevede elementi di narrazione e di gioco di ruolo, che potete approfondire se vi diverte, o potete saltare se non vi interessano.

Inizialmente si gioca cercando di capire davvero il personaggio inventato dall’altro come si comporterebbe, cosa farebbe, per creare una sintonia con il proprio… poi saltano un po’ gli schemi perché gli obiettivi personali possono portare a bluffare o a prendere svolte improvvise. E a quel punto ognuno per sé, si perde la magia e ognuno punta al proprio obiettivo. Quello che non mi è piaciuto molto è che una volta scelto un obiettivo, diventa palese quale sia, e non ci sono molti modi per impedire all’avversario di perseguirlo, lui farà le scelte che lo portano verso il suo obiettivo, io farò lo stesso, ed è la sequenza di eventi pescati che avrà grande influenza su come andrà la partita e quindi diventa un po’ incontrollabile. Inoltre si percepisce proprio un calo della poesia, se la prima parte del gioco ha una parte importante di ambientazione, di emozione, man mano che si gioca questo si perde, il gioco diventa freddo, diventa un concentrarsi sull’avere più segnalini arancioni o neri, dimenticandoci che cosa rappresentano e scegliendo le reazioni agli eventi che ci danno più punti, non quelle che sentiamo appartenere al nostro personaggio. Quindi secondo me è un esperimento riuscito a metà, ma resta divertente da giocare. L’unica precauzione è non prenderlo troppo sul serio e non immedesimarsi troppo. Altrimenti si finisce per confondere le reazioni che un personaggio ha nel gioco con quelle che il giocatore avrebbe nella vita vera. Paradossalmente sconsiglio di giocarlo con il proprio partner, a meno che non sia una coppia consolidata e molto sicura di sé, perché il rischio di fraintendimenti è alto, e se capita di avere come scopo lasciarsi potrebbe diventare imbarazzante.

Le storie d’amore sono rigiocabili, ma molti eventi non saranno più una sorpresa quindi viene voglia di rigiocare, ma solo con storie nuove. Oltre alle 4 incluse nella scatola, sono disponibili alcune espansioni.

Un elemento molto intelligente è l’inserimento delle carte tutorial, che all’apertura della scatola troverete inserite nel posto giusto nei vari mazzi di carte e le potete usare al posto del manuale delle regole, saranno le carte a spiegarvi cosa fare, cosa pescare e come giocare. Se non avete memorizzato le regole alla prima partita, nel regolamento è spiegato come ripristinare le carte tutorial nella loro posizione originaria per utilizzarle di nuovo.

Il gioco è disponibile solo in versione inglese, e vi devo dire che c’è parecchio testo nel gioco, addirittura molte sfumature di significato da cogliere per capire quale reazione scegliere ad ogni evento. Se non avete problemi di lingua, lo trovate in diversi shop online tra i 50 e i 60 euro. Da segnalare che i materiali sono semplici, ma molto curati, i gettoni scelta sono pesantissimi e le carte spesse resistenti.

Fatemi sapere se lo avete provato e se conoscete giochi simili, che sarei curiosa di provare. Alla prossima e buon gioco!

Articoli simili

LEAVE YOUR COMMENT

Your email address will not be published. Required fields are marked *